Site Overlay

Cosa fare dopo una violenza sessuale

In questo articolo mi limito ad esporre le linee guide sanitarie e legali relative a come comportarsi dopo aver subito una violenza sessuale. Tengo a precisare due cose. La realtà dello stupro è complessa e diversificata e differisce da quello che è l’immaginario unico della violenza: possono non esserci lesioni, urla, graffi. Non è una sitazione rara. Di conseguenza, alcuni dei prossimi punti potrebbero non essere coerenti con alcune esperienze di violenza. 

La diffusione e la conoscenza di queste informazioni hanno il solo scopo di non aggiungere ulteriore confusione e disorientamento a situazioni critiche. Non costituiscono il “manuale della perfetta vittima”, non hanno l’obiettivo di essere usate per incolpare, sminuire o sentirsi in diritto di dire “dovevi fare così, hai sbagliato” a chi abbia subito violenza.

1) Non lavarsi e non cambiarsi

Le prove sono spesso assenti o non significative dopo una doccia, il cambio del vestiario, o attività come fare il bagno, lavarsi i denti, tagliarsi le unghie o usare collutorio. Queste diventano più deboli o scompaiono con il passare del tempo, in particolare dopo le 36 ore.

2) Andare in ospedale o in un centro antiviolenza. 

Verranno effettuati esami di laboratorio di routine, come prelievi del sangue, test di gravidanza, esami tossicologici, test per infezioni sessualmente trasmissibili e HIV, prelievo del DNA e di campioni biologici.

Si raccoglie (previo consenso) ciò che può costituire prova dello stupro; in genere queste prove comprendono:

  • Capi di abbigliamento
  • Strisci della mucosa buccale, vaginale e rettale
  • Campioni raccolti di cuoio capelluto e peli pubici e campioni di controllo (prelevati dal paziente)
  • Reperti ed esiti di graffi e tagli da unghie
  • Campioni di sangue e saliva
  • Se disponibile, sperma
  • Prove fotografiche

Maggiori informazioni consultabili qui

Una volta dimesse dall’ospedale, vi verrà data una copia del vostro fascicolo ospedaliero e del referto medico. Secondo la legge italiana, il fascicolo ospedaliero deve contenere informazioni rilevanti per il caso giudiziario che potrebbe avere luogo. Ciò costituirà una parte importante del rapporto che farete alla polizia, se deciderete di denunciare la violenza. 

3) Come denunciare, se si decide di farlo.

In Italia lo stupro e l’aggressione sessuale sono classificati come crimini contro la persona. 

Puoi recarti, entro 12 mesi dall’accaduto, dai carabinieri o in procura ed esporre i fatti. Nei casi procedibili di ufficio puoi farlo in qualsiasi momento, senza termini e scadenza. È consigliabile denunciare, se si decide di farlo, il prima possibile.

La denuncia può assumere due forme: la “querela di parte” o la “denuncia”.

  • La “Querela di parte” implica che avete l’intenzione di perseguire penalmente il/la carnefice, anche se fosse una persona sconosciuta. Solo voi potete compilarla e non la si può revocare. 
  • La “Denuncia” è la notifica di un crimine, che può essere sporta da qualsiasi persona vi abbia assistito, non necessariamente dalla vittima. 

Secondo le indicazioni della Polizia di Stato: “possono volerci 1-2 anni prima che un caso arrivi in tribunale ma non è detto che si arrivi necessariamente ad un processo (richiesta di archiviazione in mancanza di prove).

I processi di solito durano 2 anni, al termine dei quali viene emessa la sentenza. La difesa ha diritto automaticamente all’Appello (secondo grado). Ciò significa che alla sentenza può seguire l’Appello, a meno che la difesa non raggiunga un accordo tra le parti. In certi casi si può̀ arrivare ad un terzo processo, o ricorso in Cassazione.”

Maggiori informazioni legali reperibili qui.

Elenco dei centri anti violenza attivi in Italia scaricabile qui

Elenco dei centri anti violenza Di.Re. consultabile qui

Le informazioni contenute in questo articolo sono state estratte dalla “Guida per le vittime di violenza sessuale e stupro in Italia” (Polizia di Stato).

Instagram: Ch_woods

Twitter: ChiaraSuriani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: